Saimon e la sua avventura

“Saimon e la sua avventura” è la fiaba vincitrice della seconda edizione del concorso “Inventa una fiaba”.

La Fiaba sarà allestita per le vie del Paese vecchio di Piancastagnaio. I bambini potranno immedesimarsi in Saimon e vivere in tutto e per tutto la sua avventura.

 

… e voi siete pronti a conoscere Saimon? 

C’era una volta …

… Saimon, un bambino di dodici anni, che abitava in campagna. Capelli color rame corti, occhi bruni e vispo, naso regolare, labbra carnose e sempre sorridenti. Viveva da solo in una casetta lontana dal paese: era orfano.
Un giorno d’inverno scese in cantina a prendere la legna per alimentare il fuoco. Proprio mentre scansava la scatola che copriva la legna, sfiorò una leva: sul pavimento si aprì una botola. Lì per lì si impaurì, poi prevalse la curiosità e si calò dentro.
Quando i suoi occhi si furono adattati al buio dell’ambiente, Saimon scorse uno scaffale addossato al muro, pieno di libri, di scatole, vecchi giocattoli, polvere … la sua attenzione fu attirata da un libro di avventura la cui costola riportava scritte dorate. Allungò la mano per prenderlo e la parete si aprì: davanti a lui si presentò un tunnel lungo, stretto e basso.
Camminando carponi, gli si parò davanti UN PIPISTRELLO: il piccolo mammifero, dal corpo simile a quello di un topo, con le sue ali gli svolazzò intorno e gli disse di stare attento, perché in quel luogo viveva un serpente di fuoco. Pronunciate queste parole, il tunnel scomparve e Saimon si trovò nei sotterranei di un castello.
Un luce gialla, rossa, arancione … inondò il corridoio e comparve IL SERPENTE: lingua biforcuta, denti lunghi e aguzzi, corpo possente e occhi infuocati. Il bambino voleva scappare, ma la paura lo bloccava. In quell’istante arrivò il pipistrello che squittì: “Serpente cocente, ti spegnerai e non farai paura alla gente”. Il serpente esplose e si disintegrò in mille pezzi infiammati che toccando il pavimento scomparvero.

 Come per magia, Saimon si ritrovò in cantina e con sua sorpresa in un angolo buio vide il pipistrello che, da quel giorno, divenne suo amico!

Potrai rivivere questa Fiaba, come tante altre, passeggiando per le vie del borgo medioevale di Piancastagnaio.

Chiama ora
Direzioni